CURARSI CON LA PAROLA

immersi in un mondo di numeri, forme e vibrazioni. Noi che siamo fatti della stessa sostanza dell’Universo.

A volte diamo troppo per scontato quello di cui siamo fatti, quello di cui siamo parte, quello di cui pensiamo poter fare a meno. Buon Martedì a tutti carissimi, oggi cercheremo assieme di entrare nelle viscere delle “parole” per scoprirne i segreti nascosti a loro interno.

Abbiamo visto spesso come forme, vibrazioni e benessere siano strettamente correlate tra loro. Abbiamo visto come, negli ultimi tempi, vi sia stata la scoperta nelle lettere ebraiche di una connessione tra forma geometrica, vibrazione e numeri.

L’intero universo, qualsiasi materia vibra e noi siamo immersi in queste vibrazioni: alte, basse, curative, distruttive. Su di esse si può influire con la voce.

In ebraico non esistono le vocali. Per la Cabala le consonanti rappresentano i suoni sacri e tra questi c’è il nome di Dio. Ed è con la parola, sempre secondo varie dottrine religiose, che Dio creò tutto. Una vibrazione in grado di plasmare la materia se vogliamo guardarla da un punto di vista fisico scientifico.

La filosofia del linguaggio si occupa del linguaggio umano e dei suoi sistemi di comunicazione. Poiché indaga le relazioni tra linguaggio, pensiero e realtà la filosofia del linguaggio si pone al confine con altre discipline quali la psicologiametafisica, l’epistemologia, la logica, la linguistica, la semiotica. Studia quindi il rapporto tra segno e significato e la capacità umana di usarli nella comunicazione.

Con il progredire della riflessione filosofica si comincia a dubitare della identità tra nome e realtà e ci si chiede se il linguaggio sia un fatto naturale o convenzionale. Secondo un primitivo naturalismo si crede che il linguaggio sia una rappresentazione fonica della cosa in grado di esprimerne l’essenza.

Sappiamo che la FORMA di una comunicazione è la base per far arrivare il messaggio come desideriamo arrivi. Nel marketing è la chiave necessaria da conoscere. Anche nelle preghiere la cosa importante è la vibrazione che si emette nel pronunciarle, se ricordiamo Santa Ildegarda utilizzava spesso le litanie proprio per scendere in stati profondi di meditazione ed ascendere a stati di estasi.

Come, attraverso ciò, ci si può rilassare e concentrare, così la parola che fuoriesce sotto forma di onda vibrazionale influisce pesantemente sulle energie che sono attorno e dentro di noi. Come abbiamo visto con la memoria dell’acqua che, sottoposta a diversi tipi di sollecitazioni vibrazionali, cambia forma da armonica a disarmonica.

Noi, non lo scordiamo, siamo composti per il 70% di acqua e di conseguenza, quell’acqua consente al corpo di assorbire e assimilare minerali, vitamine, aminoacidi e altre sostanze. favorisce i processi digestivi. consente il trasporto dei nutrienti alle cellule e l’ossigeno al cervello. favorendo la rimozione di tossine e scorie metaboliche.

Se si accetta di essere sottoposti a continue energie negative (rimproveri, bisbiglii, bugie, insulti, mancanze di rispetto, ecc) le si assorbe come accade giornalmente e di conseguenza a risentirne sono gli organi, lo stato emozionale ed il corpo tutto. Facendoci caso, quando al lavoro c’è un brutto rapporto con un collega o un dirigente l’aria intorno si fa pesante, non ci si rende conto che si sta incamerando quell’energia e la si fa propria, si torna a casa con emicranie, dolori allo stomaco ecc ecc. oltre ad influenzare lo stato di chi sta con noi.

La “magia” e l’arte della guarigione che usano i suoni hanno origini antichissime ad esempio. Sembra che gli antichi egizi attraverso la combinazione di sette suoni espressi a voce attivassero i centri energetici del corpo umano per curare le malattie.
Il suono è capace di influenzare la materia.

Si estende ovunque e perpetra nel tempo. Le onde oscillatorie, senza poterle toccare, sono dentro e fuori di noi.

La levitazione acustica è attivata dalle oscillazioni provocate dal suono nelle sostanze rigide, liquidi e gas. Si studia come, riproducendo suoni particolari sia effettivamente far variare la massa di oggetti solidi e pesanti, creando un campo antigravitazionale. Studi svolti anche dalla NASA.
È stato scoperto che il suono, nella sua forma di emissione, risulta visibile, per cui se il corpo umano assorbe l’energia prima che questa diventi visibile, si può supporre che il corpo si carichi di forze nuove e di magnetismo.

Secondo il Sufismo i suoni vocali sono la costante armonia dell’universo. Od il suono dell’OM

Il suono A lungo, dalla gola scende in basso e si ferma al cuore. Il suono I sale lungo il naso e si ferma vibrando al centro della ghiandola pineale. Il suono U nasce dalle labbra nel punto in cui si uniscono espiro ed inspiro.

Nella parola Allah c’è una A lunga che apre alle energie del cuore, all’amore, alla bontà, come la A dell’ Alleluja.

Nel Taoismo sono indicati sei suoni che aiutano a curare gli organi interni e a prevenire alcune malattie. Il concetto base è che ogni cellula del corpo vibra ad una sua frequenza. Il corpo stesso risponde alle vibrazioni e alle oscillazioni, ma soprattutto ai suoni.
Scienza e medicina sostengono che un canto di 20-30’ influisca positivamente sull’organismo umano e che  il canto delle vocali sia in grado di curare la balbuzie.

Più che il senso delle lettere e delle parole risulta importante la frequenza curativa delle oscillazioni che si sviluppano nel pronunciare i suoni.


Il Mantra (MAN, cervello e TRA liberazione) è l’insieme coerente di lettere e parole. Durante il mantra si modifica il ritmo del respiro e del cuore, si entra in un diverso stato di coscienza, stimolato dalle armonie create che, con la loro risonanza, attivano alcune parti del cervello e agiscono su ormoni e neuroni.

Se avete notato ultimamente concludo i miei articoli ricordandovi di usare parole gentili fra Voi, chiaramente non è a caso che lo dico. Mi auguro che possiate vivere in una dimensione vibrazionale serena che, come un meccanismo enorme, faccia di riflesso star bene chi vi sta attorno e si crei una reazione a catena.

Con questo è tutto, spero vi sia piaciuto ciò che avete letto e grazie di aver dedicato un po’ del vostro tempo a leggere ciò che scrivo. Siate gentili gli uni con gli altri, usate per il bene le parole ed a presto!

8 pensieri riguardo “CURARSI CON LA PAROLA

      1. Ciao Alessia, 😀! Io sto bene e tu come stai? Tutto ok 👌: sono rientrata da un po’ e sono curiosa di leggere i tuoi bellissimi articoli. Anzi, vado subito a sbirciare sul tuo blog, 😉.

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: