IL SONNO, QUANDO IL CORPO SPINGE SUL FRENO

QUANTO IMPORTANTE PUO’ ESSERE?

Ben svegliati carissimi, appena aperto gli occhi su un nuovo giorno e arrivo io a parlare di sonno. Non sono cattiva, voglio assicurarmi che il vostro risposo sia stato benefico.

Se vi svegliate stanchi quasi di più di quando vi siete coricati, avete dolori in giro per il corpo significa che qualcosa non va. Che sia colpa dell’insonnia o del fatto che anche dormendo non riuscite a riprendervi dagli sforzi del giorno prima, indica appunto che bisogna trovarne il motivo e correre ai ripari velocemente.

DURANTE IL SONNO IL NOSTRO CORPO ABBASSA E RALLENTA LE FUNZIONI FISIOLOGICHE

La temperatura si abbassa, il metabolismo rallenta, la pressione sanguigna si stabilizza e i tessuti si rigenerano.

Vediamo innanzitutto come si compone il sonno. Vi sono principalmente 2 fasi REM e NON REM e di quest’ultimo vi è una suddivisione in:

  • STADIO 1 – fase crepuscolare, stato di veglia e sonno leggero; 
  • STADIO 2 –  il sonno è ancora leggero, i muscoli si rilassano e la coscienza è sopita;
  • STADIO 3 – il sonno inizia a diventare progressivamente più profondo;
  • STADIO 4 – il nostro organismo si rigenera e si ha la fase di sonno profondo effettivo.

in più il NON REM permette al cervello di compensare le attività che esso svolge durante la veglia.

Nel REM invece ci si trova nella condizione in cui questo stato favorisce la maturazione del cervello, serve al cervello per favorire il recupero della veglia dopo un adeguato periodo di addormentamento.

Durante il sonno REM (Rapid Eyes Movements), per alcuni minuti (fino a 20), si blocca la trasmissione degli stimoli a quasi tutti i muscoli dell’organismo, tranne quelli che muovono gli occhi e quelli che permettono di respirare. Anche questa sorta di paralisi temporanea ha uno scopo: serve a evitare che sognando si eseguano movimenti inconsulti.

IL NOSTRO CORPO E’ UNA MACCHINA STRAORDINARIA NON TROVATE?

L’effetto del sonno è importantissimo sul potenziamento di altre funzioni cognitive come apprendimento, concentrazione e attenzione, e sulla capacità di partecipare attivamente alla vita sociale.

Eppure di notte il cervello non dorme…

Modifica profondamente il suo modo di lavorare. Quando ci addormentiamo e sprofondiamo nel sonno profondo, le onde cerebrali rallentano e diventano molto ampie, con ampi picchi e profondi avvallamenti, come se, all’improvviso, un mare appena increspato fosse attraversato da onde sempre più alte.

Il primo sonno profondo della notte dura sui 90 minuti, profondamente addormentati e non c’è coscienza di avere fatto alcuna esperienza: gli ingressi alla nostra corteccia sono chiusi.

Poi succede qualcosa di strano. Le onde lente iniziano a smorzarsi, il ritmo cerebrale accelera nuovamente, come se ci stessimo svegliando, il battito cardiaco e la respirazione accelerano e gli occhi all’improvviso cominciano a roteare. Ed è qui che entriamo nel sonno REM (Rapid Eyes Movements): gli occhi si muovono rapidamente ed è in questa fase che facciamo la maggior parte dei sogni.

Questi cambiamenti delle fasi del sonno si ripetono tante volte (4-6 o anche di più) ma, mano a mano che ci addentriamo nella notte e s’avvicina il mattino, i periodi di sonno profondo diventano sempre più brevi mentre si allungano i periodi di sonno REM».

Nel sonno il cervello fa “pulizia”

Tra i compiti svolti dal cervello mentre si dorme c’è quello di eliminare i rifiuti, cioè le scorie del metabolismo cerebrale della veglia.

Un buon sonno è fondamentale anche perché è in questa fase che le connessioni cerebrali si riorganizzano e alcuni circuiti sono rafforzati mentre altri sono sfoltiti.

Un altro aspetto del sonno sul quale si sta molto studiando è quello relativo ai ricordi: il sonno serve per rimettere in ordine il suo magazzino di memoria.

Secondo gli studi sembra che sia nella fase del sonno profondo che il cervello rielabora gli avvenimenti del giorno trascorso selezionando quali trattenere nella memoria.

Durante il sonno si formano e consolidano nuove sinapsi che codificano quanto si è imparato da svegli. In questa fase si fisserebbero le memorie a lungo termine.

Abbiamo capito quanto si fondamentale dormire in modo sano, purtroppo le conseguenza in caso di sonno non di qualità sono diverse, e le cause che conducono a problemi del sonno sono altrettanto nocive.

La meditazione aiuta a controllare le famose onde cerebrali e stai vibrazionali, aiuta ad imparare come rilassarsi favorendo anche il passaggio alle fasi di sonno.

Sapete che vi sono erbe officinali che posso darvi una mano, dalla passiflora alla melissa, dalla lavanda alla valeriana ecc. Potete assumerle come infuso o tramite capsule erboristiche.

Per il momento è tutto, grazie di avermi letta, forse ora guarderete al sonno con occhi diversi. Nei prossimi post parleremo del ciclo circadiano.

Buona giornata a tutti ed un abbraccio

7 pensieri riguardo “IL SONNO, QUANDO IL CORPO SPINGE SUL FRENO

  1. Come sempre interessante, Alessia.
    In pratica, durante il sonno, il cervello fa un backup e una deframmentazione dell’archivio che ha a disposizione: dire che è efficiente è poco! 🙂

    Aggiungo solo un paio di suggerimenti, derivanti da esperienze personali: seguire il ritmo circadiano è la cosa ottimale per un miglior riposo e, come ultimo, avere un buon materasso è fondamentale per migliorare gli effetti del riposo.

    Piace a 1 persona

  2. Buondì Alessia e tutti.
    Eh si, il sonno è importante.. E i sogni anche..
    Temo di avere un cattivo materasso… Perché ultimamente i sogni sono davvero scarsi e confusi..
    A parte il momento che è confuso e complicato..
    Attendo il seguito..
    Grazie come sempre Alessia!

    Piace a 1 persona

    1. Grazie 🙏 Enza ricambio davvero di cuore il buongiorno ed il grazie 🙏 mi fa piacere leggervi nei commenti e percepire in ciò che scrivo una condivisione 😊😊😊 son molto felice di questo! Il materasso è molto utile anche la cromie della stanza e per il fang-shui anche gli oggetti presenti in essa! Ora che te ne scrivo mi hai dato lo spunto per un articolo dedicato proprio a questo! La filosofia occidentale da importanza ad ogni piccolo dettaglio cosa che noi occidentali invece siamo per scontato

      "Mi piace"

Rispondi a Alessia Sartorati Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: