DOLCI IN FORNO!

LE SPEZIE NEI DESSERT, DALLE RICETTE DELLE NONNE ALLE TAVOLE DEI GRANDI CHEF

erbe aromatiche…quel tocco magico al gusto!

Buon Mercoledì, stamattina pensavo ai dolci che sfornava mia nonna ogni Sabato, quando la famiglia si riuniva, la casa gremita di persone, risate e fragranze. Si sentiva il profumo già varcando la porta, eravamo come in balia del pifferaio magico. Il Sabato era nonna punto. Non esisteva null’altro che il pomeriggio in famiglia con tutta la combriccola. Uno dei suoi dolci era il castagnaccio con il rosmarino e per i piccini la cioccolata calda quella home made, non quelle in busta!

Solo a ripensarci mi sale la malinconia e l’acquolina! Era una cuoca eccezionale, al di là dei dolci, aveva le mani d’oro, preparava ogni sorta di leccornie. Insomma, le nostre nonne erano esperte di come utilizzare gli aromi nei dolci, poi con il cambiare dei tempi, si sono un pò perse le tradizioni ma sicuramente non sono sfuggite agli occhi ed ai palati attenti degli stellati.

Le erbe aromatiche sono proprio divenute il segreto dei grandi chef per dare quel “tocco magico” ai loro piatti. Anche i pasticceri più sofisticati si affidano alle erbe aromatiche per esaltare il sapore e la fragranza dei loro dolci. Non lo fanno solo per questo, sanno benissimo cosa inseriscono nelle loro portate ed i benefici che apportano.

Lo scopo di utilizzarle in pasticceria da un lato permette di enfatizzare il gusto e l’aroma dei dolci, dall’altro ha la funzione di renderli più digeribili grazie agli oli essenziali contenuti in alcune piante officinali che contengono proprietà digestive o distensive.

Molti pasticceri, proprio grazie all’utilizzo delle erbe, hanno dato vita a dei dolci unici che hanno contribuito a portarli alla ribalta nazionale ed internazionale. 

Non solo pasticceri, anche i maestri cioccolatieri negli ultimi anni hanno iniziato a carpire i segreti delle erbe officinali ed affiancarli alla cioccolata. Primo fra tutti, il fondente al peperoncino. Ottimo in caso di dieta, associa l’azione di brucia grassi del peperoncino.

LE SPEZIEneidolci

Basilico

  1. Sorbetto al basilico (per la ricetta clicca qui)
  2. Torta soffice all’acqua al basilico: (per la ricetta clicca qui)
  3. Crostata al limone e basilico: (per la ricetta clicca qui)

Il basilico, ha una virtù molto interessante, è rinfrescante ed aiuta a pulire il palato. Ottimo digestivo, ingrediente cardine nella produzione di molti liquori digestivi da assaporare dopo un lauto pasto.

Lavanda

Dal potere distensivo, parliamo di una vera e propria coccola da assaporare in ogni momento della giornata. Essendo un potente calmante, la lavanda, contribuisce a rilassare e restituire il buonumore. La fragranza la conoscete bene tutti, ovviamente le dosi da utilizzare nei dolci son davvero basse, perché basta poco perché sprigioni i suoi olii essenziali.

  1. Crema pasticciera alla lavanda: (clicca qui per la ricetta completa)
  2. Ciambella alla lavanda e limone: (clicca qui per la ricetta completa)
  3. Torta alla lavanda e mele: (clicca qui per la ricetta completa)

Cardamomo

Questa pianta è molto presente nelle cucine tradizionali del Nord Europa, possiamo capirne il motivo leggendone i benefici: Il cardamomo racchiude virtù benefiche utili in caso di mal di gola e tosse, è un vero toccasana contro il raffreddore, dato che è in grado di liberare molto rapidamente le vie respiratorie dal muco, combattendo al tempo stesso la stanchezza e la spossatezza tipiche degli stati influenzali.

Esistono dolci, biscotti e brioche. Una famosa pasticceria di Milano li propone (prima foto a six) proprio per una colazione diversa e sprintosa.

Vi metto di seguito i link se volete provare queste ricette

  1. Frollini al caffé e cardamomo. La ricetta completa cliccando qui
  2. Panini dolci (brioche) alla cannella e cardamomo clicca qui
  3. Torta svedese al cardamomo clicca qui

Timo e Rosmarino

Timo e rosmarino fanno parte delle erbe di San Giovanni, da cogliere il 24 Giugno e porre alla luce lunare per un’intera notte dentro a tini di acqua sorgiva.

Hanno potere balsamico fluidificante ma non solo, aiutano l’umore e sono digestivi.

Ci si può sbizzarrire con il timo, dai biscotti, alle crostate con pompelmo, crema al limone e timo, alle cheesechakes. Per il rosmarino, la tanto tradizionale torta di castagnaccio, ma esistono biscotti e torte al mascarpone e rosmarino. Se cliccate sopra ai nomi sarete indirizzati alle ricette.

Le piante aromatiche, son presenti in tantissime ricette dolci ed agrodolci. Possiamo ricordarne altre come camomilla, curcuma, ginepro, iperico, sambuco, zafferano, cannella, pepe, menta, peperoncino, maggiorana, spirulina, oppure l’aglio nero!

Una caratteristica legata alle qualità organolettiche dell’aglio nero, ottimo regolatore della pressione arteriosa ed immunostimolante, si racchiude nel sapore, che a quanto pare, i maestri cioccolatieri, hanno trovato essere proprio il connubio ideale con cioccolati di tipo finissimo fondente od il cacao amaro. Una ricetta che porto alla vostra attenzione è proprio una ciambella al cacao amaro e aglio nero.

Come avete visto, da sempre le erbe sono state utilizzate anche nei dolci, in epoca medievale, esistevano liquori giunti fino a noi, ricordiamo il centerbe, i liquori tipici prodotti dai monaci, oppure quelli più famosi nel mercato come il Lucano, Fernet Branca, Liquore Strega, il Campari, l’Averna o la Sambuca. Non scordiamo che i bar tender usano moltissimo accostamenti con erbe aromatiche.

Come dico sempre, andate a sentimento, usate la fantasia, non eccedete nelle quantità ma ormai bene o male dai miei articoli avete capito e divertitevi!

Terminiamo qui, il nostro tuffo nel mondo zuccherato e buona continuazione a tutti!

14 pensieri riguardo “DOLCI IN FORNO!

  1. Wow, il cardamomo, la torta… svedese! Mi ispira e mi tenta.. troppo! Peccato, cara Alessia, che ho deciso per un po’ di limitare zuccheri e dolci.. Ma sicuramente prendo nota e appena sarò in fase dolcina e con forno, la proverò e farò provare agli amici. Grazie, ancora!

    Piace a 1 persona

    1. Sono accostamenti ai quali siamo poco abituati, qui alcuni dolci tipici, come il castagnaccio o la pinza hanno spezie! Un po’ come il dolce toscano con frutta secca e spezie del quale ora mi sfugge il nome! Come dicevo ad Alessandro bisogna star molto lèggeri nei dosaggi sennò si finisce per sentire un sapore che richiama l’arrosto della domenica con le patate 😂😂😂.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: