Alloro – una altra pianta per proteggersi dal covid

Parliamo ora del alloro una pianta a noi famigliare sia dal punto di vista di memoria storica, come ornamento sul corpo di molteplici statue simbolo del ns paese, basti pensare alla corona che cingeva la testa dell imperatore Cesare, il monumento Italia turrita che ne stringe in mano una corona e molte altre rappresentazioni, sia per l’impiego nella nostra dieta mediterranea o per le citazioni come riposare sugli allori, abbandonarsi all’indolenza in seguito all’euforia di un successo.

Alloro deriva dal latino Laurus  il nome botanico è laurus nobilis, pianta aromatica officinale, appartenente alla famiglia delle lauraceae ed al genere laurus. 

L’alloro fu pianta sacra ai Romani, sin dall’antichita simboleggiava anche per i greci, sapienza e gloria infatti era uso adornarne il capo anche dei vincitori nei giochi pitici o Delfici. Addirittura costituiva la massima onoreficenza per un poeta che diveniva poeta laureato.

È un arbusto dalle varie dimensioni perché spesso viene potato rendendolo semplice siepe ornamentale ma si tratta di un vero e proprio albero, alto fino a 10mt con rami sottili e glabri che formano una densa corona piramidale.

Il suo legno emana il profumo tipico come le sue foglie, è diffusissimo lungo le zone costiere settentrionali del Mar Mediterraneo, dalla Spagna alla Grecia ed anche nell’asia minore. In Italia lo troviamo spontaneo nelle zone centro meridionali, e lungo le coste, diversamente dalle regioni settentrionali dove viene coltivato.

La cucina siciliana ne fa largo uso, ed ha portato l’alloro ad essere inserito nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani P.A.T. Come prodotto tipico dell’isola.

È una pianta rustica che cresce in qualsiasi tipo di terreno, per cui coltivabile in ogni tipologia di orto.

Della pianta si utilizzano principalmente le foglie, sia in ambito culinario, come insaporitore di carni o pesce, come sostituto della canfora, negli armadi per eliminare le tarme, come decotto rinfrescante e digestivo, o nei pediluvi. Chiaramente si presta anche a rendere estremamente aromatici liquori dalle proprietà digestive e carminative, stimolanti ed antisettiche, lasciato a macerare nell’alcool, utilizzato contro tosse e bronchiti.

Anche le bacche possono venire trattate per ricavarne un olio aromatico chiamato olio laurino, dalle note proprietà medicinali, utilizzato tra gli ingredienti base dell’antichissimo sapone di Aleppo.

Veniva impiegato anche per la conservazione di libri e pergamene.

Importante non confondere l’alloro chiamato anche lauro, con quello che in alcune regioni italiane viene indicato con il nome lauroceraso (prunus laurocerasus) che è una pianta tossica.

Per la mitologia greca, l’alloro comparse la prima volta sulla terra a seguito di un folle amore non corrisposto del dio Apollo verso la bellissima Dafne il cui significato è appunto lauro e primo grande amore di Apollo . Pare che tutto ebbe inizio quando il dio dopo aver sconfitto il serpente Pitone se ne vanto a Cupido schernendo quest ultimo sull inutilità delle sue armi quali arco e frecce ad uso di una divinità non combattente quale invece era lui, il dio del sole. Cupido decise così di vendicarsi dell offesa subita, scoccando una delle sue frecce e facendo così cadere in preda all amore Apollo verso una fanciulla a caso sulla terra cioè Dafne a sua volta colpita da una seconda freccia di piombo per far sì che negasse e rifiutasse ogni sorta di amore le fosse stato riposto. Apollo nel pieno ardore dei suoi sentimenti si confesso a Dafne che rifiuto strenuamente culminando in una folle fuga per allontanarsi da lui che la rincorse disperato fino a quando lei stremata imploro il padre, Dafne il dio fluviale Ladone, di trasformare il suo corpo tanto amato dagli uomini, in qualcos altro.

Il padre addolorato per la figlia, esaudì il suo desiderio tramutando la sua pelle in scorza sottile, i capelli in foglie, le braccia in rami, i piedi in radici e il volto nella cima di un lauro. Cioè in una splendida pianta di alloro. Apollo riconobbe nella pianta la sua amata e decise di renderla sempreverde e di considerarla sacra. 

Così il lauro divenne l’emblema di pianta della metamorfosi e del l’illuminazione, simbolo della sapienza divina, si dice che masticarne le foglie aiuti a risvegliare le ispirazione e sollecitare la creatività ed addirittura aumenterebbe la capacità di profetizzazione.

In un racconto popolare si narra che mettere una foglia di alloro nelle federa del cuscino aiuterebbe a far esaudire i sogni fatti nella notte.

La foglia di alloro si e conquistata uno spazio anche nella moda, se pensiamo che il simbolo della nota marca Fred Perry è composto proprio da due rami di alloro incrociati. 

Ora passiamo all uso benefico della pianta,

L’alloro è un antidolorifico naturale, aiuta appunto la digestione.

Ha azione diaforetica cioè stimola la sudorazione in caso di febbre

Le foglie sono ricche di principi attivi, basti pensare che l’eugenolo ed il limonene son quelli che fanno della pianta un antisettico ed antiossidante d’eccellenza.

Contiene sali minerali tra cui potassio, rame, calcio, manganese, ferro, selenio, zinco e magnesio. Ha un buon apporto di vitamine, acido folico, provitamina A indicata per la salute degli occhi, pelle mucose e la vitamina B utile per il sistema nervoso, la pelle ed il metabolismo. Non dimentichiamo inoltre che contiene vitamina c un potente antiossidante, antinfiammatorio, disinfettante naturale capace di stimolare il sistema immunitario e contrastare infiammazioni e degenerazioni cellulari.

La tisana di alloro si impiega per risolvere disturbi dovuti ad un eccesso a tavola

L’infuso fatto con le foglie fresche e le bacche aiuta a contrastare i disturbi respiratori 

L’olio essenziale ha notevoli proprietà antibiotiche, antiparassitarie, antiputrefattive, sedative, ipotensive, sudorifere, antireumatiche, espettoranti e protettive dello stomaco. Sicuramente da tenere sempre a portata di mano.

L’azione antinfiammatoria si ha attraverso l’oleolito ricavato dalle bacche fresche della pianta. Che inoltre ha anche capacità miorilassanti cioè distensivi per la muscolatura e antidolorifiche.

L’oleolito ad uso esterno, preparato con le bacche ha un effetto antinfiammatorio, emostatico e astringente. Efficientissimo nel lenire reumatismi, artrite, dolori muscolari, ecchimosi ed ematomi.

L’acido laurico contenuto nelle foglie possiede proprietà repellenti, pertanto potrete  proteggervi naturalmente da insetti e parassiti.

La pianta può essere utilizzata per lavaggi oculari, 3 4 foglie macinarle e versarle in un bicchiere di acqua bollente, lasciare in infusione per 30 minuti dopodiché filtrate la soluzione a utilizzatela per comprimere e sfregare gli occhi 4 6 volte al giorno.

Ideale anche per la memoria la rafforza grazie ai suoi principi attivi, prima di un esame versare qualche goccia d alloro su un fazzoletto e respirare profondamente 

Lo sapevate che le erbe e le spezie in antichità più che per insaporire, le aggiungevano alle pietanze proprio per beneficiare delle virtù curative e protettive attraverso il cibo? In epoca moderna avendone perso la conoscenza abbiamo continuato ad usufruirne rilegandole al solo senso di arricchire e migliorare il gusto dei piatti ma i nostri avi lo facevano con ben altro scopo!

Bollire o arrostire le carni con le foglie di alloro ad esempio, è un abitudine più antica della nostra tradizione culinaria, non a caso greci e romani ne facevano largo uso per contrastare la degenerazione dei cibi,quando non esistevano di certo i frigoriferi o le moderne tecniche di conservazione. Di conseguenza per non guastare le carni le avvolgevano in foglie di alloro fresco prima e durante la cottura.

Per quanto concerne l alloro non vi sono particolari controindicazioni, solo se siete predisposti e facendo un uso continuo, potrebbero comparire dermatiti da contatto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: